gio

01

giu

2017

Richiesta e Volontà

CARTA DEL MESE
 
Dopo qualche mese di assenza, tempo dedicato al mio corpo e alla mia salute, eccomi di nuovo a condividere con voi pensieri sparsi suggeriti dalla carta del mese.
Spesso mi sono interrogata sul DIRITTO di volere qualche cosa, come se un sottile dubbio si insinuasse tra i miei desideri e i desideri dell'Universo per me; come se ci fosse differenza tra quello che io ritengo il mio bene e un Bene Superiore che solo un'Entità Superiore conosce. In questo modo però continuo ad alimentare una separazione, come se io fossi diversa e separata della sostanza Universo.
Questa carta mi conferma ciò che forse avevo dimenticato, il Bene  è Bene. Ciò che io voglio è solo un passaggio preliminare che, se non inserito in un clima interiore di fiducia totale, in me per prima, nel fatto di essere amata e sostenuta da un Universo Amorevole, non ha nessuna forza. Così come non ha forza togliermi totalmente dall'equazione, come se io non contassi nulla, come se i miei desideri non fossero importanti, perchè in questo modo nego il mio stesso valore, nego che Io Sono l'espressione di questo Amorevole Universo.
E così mi riprendo il mio diritto/dovere di dare forza ed importanza ai miei desideri!
L'attenzione va posta, certo, all'intento che fa nascere i miei desideri, al tipo di energia che li sostiene: se un desiderio proviene dalla paura allora non sarà certo allineato con il mio massimo bene, ma se il mio desiderio proviene ed è sostenuto dall'energia dell'amore, qualunque esso sia, sarà espressione del mio massimo bene. Facciamo un esempio se io desidero trovare un compagno/a perchè mi sento sola e ho paura di non farcela da sola, questo desiderio è sostenuto dalla paura, ma se lo stesso desiderio ha come motivazione la voglia di condividere un tratto di strada con un altro essere umano per il piacere di viaggiare in compagnia... allora è tutta un'altra cosa e un'altra energia.
Questo argomento dell'energia di amore o paura è un argomento molto importante che approfondiremo prossimamente. Intanto diamo forza e dignità ai nostri desideri sostenuti dall'amore e dalla gioia in quanto espressione dell'Universo Amorevole che noi siamo.
Buona sperimentazione dell'arte del desiderare con volontà, fiducia ed apertura!

mar

05

gen

2016

Madri Castranti

C'è un motivo per cui spesso persone particolarmente dotate, con esuberanti talenti, fuori dagli schemi, scelgono madri particolarmente "castranti"?

 

Sì certo, niente accade per caso ... Quale può essere questo motivo?

 

Questa mattina l'ennesimo caso e improvvisa la risposta:

per aver sviluppato questa serie di talenti e di doti, per essere così leader dentro, queste anime devono aver già fatto un bel po' di esperienza ed avere un vissuto da leader abbastanza importante, ma quale leader sceglierebbe di essere volontariamente messo a contatto con l'apparente (per chi lo vive poco apparente e molto reale) negazione della propria grandezza e con la sensazione di essere rifiutato, di non andar bene, di non essere abbastanza amato?

 

  • forse un leader che ha utilizzato le proprie capacità per accumulare potere che non ha condiviso (potere personale, politico, economico, ...),
  • forse chi ha scelto qui e ora di essere aiutato a rimettersi al proprio posto, cioè in quel posto dove si puo'  riconoscere come leader di se stesso innanzitutto, senza il secondo fine dell'accumulo (di potere, fama, denaro, ...), senza l'energia della paura quindi, quel posto che gli permette di riconoscersi come speciale e mettere al servizio di se stesso e degli altri (che è poi la stessa cosa) la sua "specialità".
  • forse quelle anime che sentono che è giunto il tempo di scegliere di integrare quelle parti che la "madre castrante" ha ricordato loro...

 

"Scelgo di vivere il mio potere senza averne paura e trovo il mio personale equilibrio che mi permette di agire nel mio pieno potere senza essere dominato e senza dominare"

 

Il vero leader non è colui che cerca qualcuno da cui farsi seguire, è colui che segue la propria strada e quando incrocia altre strade riconosce e rispetta le proprie e le altrui precedenze in accordo con un codice innato e senza tempo ...

2 Commenti

sab

14

dic

2013

"Un giro di EFT al giorno, crea la GIOIA intorno!"

ogni giorno riceverai una registrazione audio con un giro di EFT su vari argomenti.

E' un modo semplice per praticare e per sciogliere ogni blocco che ti impedisce di esprimere il meglio di te.

Segui la mia voce picchiettando sui punti che ti indico.

 

Se un argomento ti ha particolarmente coinvolto, puoi riascoltare la registrazione a distanza di qualche giorno, rifare il giro di EFT e notare i cambiamenti

 

Per qualsiasi informazione, condivisione o commento puoi scrivermi all'indirizzo paolamadoglio@gmail.com oppure puoi scrivere sulla pagina del blog

 

Se hai un argomento da proporre, qualche tematica che ti sta particolarmente a cuore, un problema particolare da risolvere o una prestazione da migliorare, puoi scrivermela.

 

Ricorda che, se un argomento sembra non toccarti personalmente, la sua trattazione può portarti comunque benefici indiretti in altre aree della tua vita!

 

0 Commenti

gio

31

ott

2013

LA LUCE

"... non c'è veramente più bisogno di cancellare, non c'è più bisogno di andare a cercare indietro ciò che è stato. Ora siete supportati dalla luce che conduce avanti, questa è l'era della luce, non c'è più bisogno di venire a patti con il buio, questo è un altro tempo. Spostate la vostra attenzione da ciò che è stato a quello che è e che sta diventando. Per fare questo occorre sgretolare le strutture mentali, e la luce sgretola ogni cosa."

 

Un "bagno di luce" è sempre utile, è un esercizio di visualizzazione che sicuramente molti già conoscono, ora più che mai utile per accogliere queste vibrazioni di luce: mi immagino sotto una doccia di luce e le gocce di luce si alternano alle gocce dorate e argentate, bastano veramente pochi minuti, a volte pochi secondi per accogliere qualche importante intuizione ...

0 Commenti

dom

22

set

2013

FIDUCIA

"Un antico detto afferma che Dio ha tre risposte per qualsiasi preghiera:

Sì.

Sì, ma con i miei tempi.

No, ma solo perchè ho in programma qualcosa di meglio per te." (Kathlee McGowan - La Promessa)

Anche questa frase ci ricorda che ciò che ci è richiesto in questo momento è allenare il muscolo della fiducia; come agevolare questo allenamento? Ad esempio ripetendo questa sequenza stimolando i punti di EFT: "Io posso andare oltre questo ...(sentimento, questa situazione, questo dolore, ...), io voglio andare oltre questo ..., io sono oltre questo ..., io posso essere ora nel/lo... (opposto di quello che abbiamo inserito prima es. io posso andare oltre il bisogno di controllo, ora inserisco io posso essere ora nella fiducia), io voglio essere ora nel/lo ..., io sono ora nel/lo .... Buon allenamento!

Come sempre mi farà piacere leggere il vostri commenti

0 Commenti

ven

23

ago

2013

PAURA E AMORE

"Così come il buio è solo assenza di luce, la paura è solo assenza d'amore"

Esercizio pratico: scrivi ogni giorno il diario dei feedback positivi (es.: oggi mi complimento con me per ..., riconosco di essere stata veramente brava a ...)

0 Commenti

gio

30

mag

2013

"E' PIU' SEMPLICE DI QUANTO PENSIATE"

IUGNO 2013

E' PIU' SEMPLICE DI QUANTO PENSIATE

Una canalizzazione:

"A volte, anzi sempre, è molto più semplice di quanto pensiate. Basterebbe alzare lo sguardo al cielo e spostarlo per un momento dal problema contingente che continuate a guardare. Non è lì la "soluzione" se di soluzione si può parlare. In realtà il "vostro" problema è una tappa, importante per il raggiungimento di quell'intento che la vostra anima ha sigillato in ogni cellula del vostro corpo fisico. E ogni volta che ve ne ricordate, o almeno, vi avvicinate a questo ricordo, tutto il corpo gioisce e ride; ogni cellula si allinea e una nuova coerenza allinea le serrature che vi permettono di aprire la porta successiva. Alzate dunque lo sguardo. In questo particolare momento, ogni attimo di gioia e di serenità è una luce che si accende nella nebbia indicando la via a coloro che vi sono vicino e che la vogliono seguire. Niente è mai imposto."

Da tutto ciò deduco l'importanza del nostro impegno personale a restare nella fiducia, a costruire con intento ogni momento felice, non solo per noi ma per essere di esempio concreto del cambiamento possibile.

Come sempre sarò felice di leggere i vostri pensieri al riguardo

 

1 Commenti

sab

04

mag

2013

LA VOLONTA'

LA VOLONTA'

Una canalizzazione:

"La volontà è una scelta. si può arrivare fino ad un certo punto spinti dal vento, poi occorre tenere ben saldo il timone e regolare le vele di conseguenza. Il vento non dipende dalla vostra volontà, ma poi siete voi che agite con gli strumenti che avete a disposizione. Voi che scegliete la rotta agendo sul timone, voi che decidete quali vele issare e che lo fate in pratica. E tutte queste sono azioni concrete. La volontà ha a che fare con la concretezza. Quando agite, vi spostate in un altro punto e da lì avete una visione nuova e potete sempre decidere l'azione successiva, ma se non agite, vi spostate solo apparentemente. Sapere, conoscenza, sono fondamenti, poi la casa, su quelle fondamenta, va costruita e costruire è un'azione.

A volte, per comprendere bene che cosa desiderate costruire, o meglio, che forma dare esattamente alla vostra costruzione, occorre demolire il già costruito perchè vi accorgete che volete qualcosa di leggermente diverso, e va bene, anche questo serve per avere sempre maggior chiarezza. E' l'immobilità, la non azione che vi tiene fermi. Molto meglio costruire, demolire e ricostruire che rimanere in attesa di qualcosa che "forse accadrà". Tutto sta già accadendo ORA intorno a voi. E' solo la vostra volontà che vi fa partecipi e costruttori attivi."

 

2 Commenti

mar

02

apr

2013

PASSO DOPO PASSO

APRILE 2013

PASSO DOPO PASSO

Una canalizzazione:

"Procedere passo dopo passo, in apertura a ciò che accade, come fai con le Costellazioni, è un ottimo modo di procedere.

Così ti apri ad accogliere ciò che c'è, senza aspettativa.

Così sei libera di scegliere senza pregiudizi.

Così sei libera di scegliere e riscegliere in ogni momento, aggiustando la rotta con piccoli interventi.

E' un buon modo per allenarsi alla fiducia.

E' come farti prendere per mano dalla vita, come farti accompagnare a percorrere il tuo sentiero mano nella mano con la tua Anima illuminato dai raggi di saggezza dello Spirito.

E se arriva un momento in cui ti dici: "E adesso?" sai che è il momento che precede un'intuizione importante, l'arrivo di un nuovo elemento che apporta nuovo significato, fino alla prossima svolta ..."

 

0 Commenti

lun

04

mar

2013

LA RUOTA

Una canalizzazione:

"Tutto è sempre in movimento. Non c'è nulla nell'universo che è fermo. E' questa una legge, tu non puoi intervenire sulle leggi, non è in tuo potere, ciò che è nel tuo potere è di dare direzione alla ruota. Puoi scegliere il verso, in avanti oppure indietro e questa tua decisione determina se stai creando o distruggendo, se stai mantenendo in essere una spirale evolutiva oppure una spirale involutiva.

Ti chiedi come puoi esercitare questo potere, è semplice: in ogni momento sii orientato al potenziale e alle opportunità di crescita ed evoluzione. Questo atteggiamento interiore è ciò che ti permette di governare la direzione. L'intento è la chiamata di forze superiori che sempre sono a disposizione quando sono chiamate."

Come sempre sarò felice di leggere i vostri pensieri al riguardo sul blog del sito

 

0 Commenti

mar

29

gen

2013

L'EPIDEMIA DELLE FORME PENSIERO

FEBBRAIO 2013

L'EPIDEMIA DELLE FORME PENSIERO

Questo mese condivido una riflessione nata dall'osservazione del mio primo pensiero alla vista di una fiammante Ferrari: "Che coraggio!" E subito mi son detta: "Ma come, invece di ammirare la bellezza e l'eleganza mi sto chiedendo chi potrebbe essere quel "coraggioso" alla guida??!!"

Così mi sono accorta di quanto anch'io fossi stata contagiata dalla "caccia al ricco" (dopo quella alle streghe), oggetto della nuova inquisizione.

Considerato il fatto che poche sere prima avevo condotto una serata sull'importanza di passare da un concetto di Universo pervaso da scarisità e limitatezza, ad un Universo percepito come illimitato e infinitamente prospero, ho seguito la mia riflessione che mi ha portato a trarre le seguenti considerazioni:

  • una nazione che non bene-dice la ricchezza e le persone ricche non sarà mai ricca, ciò vale anche per l'individuo: male-dire o mal-pensare delle persone ricche non fa certo avvicinare alla ricchezza e alla prosperità! Chi mai, a livello più o meno conscio, vorrebbe diventare ciò di cui pensa gran male?

  • queste forme pensiero così esclusive del bello e del lusso, allontanano sempre di più la possibilità di creare innovazione, considerando il fatto che spesso l'innovazione si ottiene dalla ricerca tesa a migliorare proprio i beni di lusso per poi essere applicata alle categorie di beni più economici. Quindi questo pensiero preclude gli investimenti nella ricerca e preclude, o quantomeno rallenta, lo sviluppo di nuove tecnologie e di interi settori.

E ci sarebbero molte altre considerazioni a seguire ... (ma il punto non è cosa io possa pensare e credere a proposito della ricchezza, bensì l'influenza delle forme pensiero vaganti)

Qual'è l'antidoto a questa epidemia?

La consapevolezza, partendo proprio dalla consapevolezza dei nostri pensieri e poi, con intento, pensarne di nuovi invece che lasciarsi pensare da questi virus mentali.

E quindi, tornando all'antica e sempre moderna saggezza:

  1. Sapere->Conoscenza->Prudenza (per riconoscere i pensieri, le parole, i comportamenti

  2. Volere->Coraggio->Giustizia (per l'espressione dell'intento personale)

  3. Osare->Coraggio->Fortezza (per pensare un pensiero invece che farsi pensare)

  4. Tacere->Disciplina->Temperanza (per mantenere l'impegno preso dalla nostra Anima)

 

5 Commenti

mer

01

feb

2012

Semplicità

Semplicità, questa è la parola che ispira la riflessione di questo mese. E da questo presupposto parte il lavoro di Louise Hay, di cui riporto qualche breve frase tratta dal libro "Puoi vivere una vita straordinaria!" scritto in collaborazione con Cheryl Richardson: "Ognuno di noi vuole essere felice e godere della pace mentale, ma l'appagamento ed il benessere sono frutto di un lavoro interiore... Dipende tutto dai pensieri che decidi di formulare. E' dentro di te che crei le condizioni per sentirti ricco o povero... Più scegliamo di credere che viviamo in un universo florido, più ci accorgiamo che i nostri bisogni vengono soddisfatti. L'affermazione "La Vita mi ama e appaga sempre tutte le mie esigenze" darà inizio al processo."

Possono sembrare pensieri semplicistici a chi è abituato a liquidare qualsiasi nuovo modo di pensare, osservare e procedere che si discosti dall'imperante convinzione che se una cosa non è complessa, non richiede nessuno sforzo per essere messa in pratica e così via, non possa funzionare; in realtà, molti dei grandi pensatori e dei grandi saggi hanno posto l'attenzione ai processi di pensiero e a come tutta la nostra realtà tangibile sia modellata a partire proprio dalle nostre posizioni interiori, dalle nostre convinzioni che molto spesso rimangono ad un livello inconscio e come afferma Gandhi "Le tue convinzioni diventano i tuoi pensieri. I tuoi pensieri diventano le tue parole. Le tue parole diventano le tue azioni. Le tue azioni diventano le tue abitudini. Le tue abitudini diventano i tuoi valori. I tuoi valori diventano il tuo destino.".

Possiamo quindi proprio incominciare ad osservare e ad ascoltare in nostro dialogo interiore, i pensieri che ci fanno compagnia abitualmente e quelli che insorgono reattivamente all'accadere di imprevisti, cambi di programmi o incontri inattesi ...


2 Commenti

lun

02

gen

2012

Gli ordini del successo - Bert Hellinger

Questo mese riporto una frase tratta dal libro di Bert Hellinger "Gli ordini del successo":

"Che cos'è che in questo momento fa di noi degli individui realizzati e ci prepara a conseguire nuovi successi nella vita e nella professione?

Prendere la madre come fonte della vita, con tutto quello che insieme a lei fluisce verso di noi. Con la madre, noi prendiamo la vita. E la prendiamo nell'identico modo in cui prendiamo la madre.

Prendere è un movimento attivo. Perchè il latte sgorghi dal seno materno, è necessario che il bambino succhi. Perchè la madre arrivi, bisogna chiamarla. ...

Più tardi nella vita non restano dubbi: solo chi è riuscito a prendere a piene mani dalla madre è una persona realizzata e felice. Perchè lo stesso atteggiamento che si ha nei confronti della madre, si ha anche nei confronti della vita e del lavoro. Finchè rifiuteremo la madre, rifiuteremo anche la vita e il lavoro. E la vita e il lavoro faranno altrettanto con noi."

Interssante vero? Mi sembra un ottimo spunto di riflessione che ci fa chiedere quanto abbiamo imparato a chiedere e come? E quanto siamo fiduciosi che la nostra richiestà verrà esaudita? O siamo forse tra coloro che ad un certo punto hanno deciso di non chiamare più, di non chiedere più e di "arrangiarsi"? Quante volte ci diciamo interiormente: "faccio da sola/o, così faccio prima e meglio"? e così via ...


 

 

0 Commenti

ven

25

nov

2011

IL LEADER CHE NON AVEVA TITOLI - Robin Sharma

In questo particolare momento di trasformazione, in cui la nostra attenzione è spesso rivolta al mondo del lavoro, vi segnalo un libro la cui lettura mi ha spronato a rinnovare la convinzione che ognuno di noi può fare la propria parte, in modo piacevole e divertente, per contribuire a migliorare la propria vita e quella dei nostri compagni di viaggio: Il leader che non aveva titoli (Robin Sharma).

0 Commenti